Elementor vs Avada: confronto tra i page builder di WordPress

Sviluppare siti web non richiede solo la generazione di contenuti interessanti ma, sopratutto, lo sviluppo di interfacce accattivanti, intuitive e full responsive. Con Wordpress si riesce a costruire blog e e-commerce molto velocemente, ma la presentazione richiede uno sforzo ulteriore specialmente per i non addetti ai lavori. Mediante i page builder, quali Elementor e Avada, questo compito viene semplificato. Scopriamo in questo articolo le loro principali caratteristiche per capire quale sia il migliore per le nostre esigenze.

Share

Reading time: 11 minutes

La costruzione di siti web fino all’inizio degli anni 2000 era un’esclusiva degli sviluppatori. Chi non era esperto di HTML e linguaggi di programmazione quali PHP e similari non era in grado di creare e gestire siti web senza il supporto di un professionista. Con l’avvento dei CMS (Content Management Systems) questa barriera è stata superata. Il successo di WordPress ne è la dimostrazione. Ad oggi, infatti, milioni di siti web sono costruiti con WordPress o i suoi “fratelli” (Joomla, Drupal, Magento, ecc). Gli stessi sviluppatori usano, in molti casi, un CMS per velocizzare il lavoro ed ottenere ottimi risultati.

WordPress è il CMS più diffuso grazie anche la community che vi è dietro. Esistono, infatti, moltissimi temi, plugin e costruttori di pagine che si possono utilizzare per progettare il proprio sito web e creare bellissime pagine web. In questo articolo ci concentreremo sui page builder Elementor e Avada.

Ma cosa sono i page builder?

Un page builder è un plugin o un componente di un tema che consente agli utenti di strutturare e progettare pagine responsive. Grazie a questo strumento è possibile costruire pagine anche su siti complessi in pochissimo tempo e senza grandi conoscenze tecniche. In modo analogo al gioco dei Lego, è possibile selezionare, riorganizzare e modellare ciò che si desidera sul proprio sito usando blocchi predefiniti. Inoltre, ogni componente è possibile customizzarlo per ottenere risultati strabilianti.

Grazie ai page builder sia gli sviluppatori che i meno esperti possono creare velocemente siti molto accattivanti dal punto di vista grafico e sicuramente funzionali. Scopriamo tra Elementor e Avada, i page builder più utilizzati, qual è il migliore.

Avada

Avada è un page builder stato sviluppato da ThemeFusion (una rinomata società di sviluppo di temi e plugin per WordPress). È abbastanza facile usare Avada grazie ai suoi eccellenti strumenti di costruzione e alle sue caratteristiche. Lo strumento offre una completa libertà di layout e design, in modo da poter personalizzare il tema e le pagine web in base alle proprie preferenze.

Il page builder Avada offre quasi 50 diverse opzioni di design. Attualmente, è lo strumento più venduto di tutti i tempi sul popolare mercato di temi e plugin per WordPress – ThemeForest.

Elementor

Il page builder Elementor è il plugin per la costruzione di pagine più popolare tra gli utenti di WordPress. Fondato da tre sviluppatori di siti web può essere utilizzato per costruire qualsiasi pagina web. Uno dei motivi per cui Elementor è così popolare rispetto a strumenti simili come WPBakery e altre alternative è che è semplice da usare, ha caratteristiche eccezionali e ha una versione gratuita.

Con Elementor è possibile creare temi, pop-up, widget e molto altro. Inoltre, è open-source, quindi altri sviluppatori possono contribuire alle sue caratteristiche, aumentandone ulteriormente la funzionalità.

Riassunto caratteristiche

Di seguito alcune caratteristiche principali dei due page builder.

CaratteristicaAvadaElementor
Installazionerichiede il download al momento dell'acquisto e il caricamento su WordPresspresente direttamente nella libreria di plugin di WordPress
Personalizzazione stili
Design responsive
Integrazioni di terze particirca 15circa 30
Modelli di paginaoltre 60oltre 200
Clic destro
Supportosupporto clienti, FAQ, tutorial, community abbastanza attiva sui social networkssupporto clienti, FAQ, tutorial, community molto attiva e presente sui social networks

Di seguito analizzeremo più nel dettaglio le similarità e le differenze di Avada ed Elementor.

Installazione

Per utilizzare Avada, è necessario acquistarlo da ThemeForest. Dopo l’acquisto è necessario scaricare e salvare il file di Avada in locale sul proprio PC e successivamente caricarlo dalla dashboard di WordPress tramite la sezione di caricamento del tema, accessibile da Dashboard > Aspetto > Temi > Aggiungi nuovo. Una volta completato il processo di caricamento, è possibile attivare il tema e accedere al pannello dei temi. Dal pannello del tema, bisogna cliccare sulla scheda Plugin e installare i plugin per la creazione di pagine. Sono presenti due plugin per la creazione di pagine, Fusion Builder e Fusion Builder Live, rispettivamente per la creazione di pagine back-end e front-end.

Elementor è già presente nella directory dei plugin di WordPress. Pertanto, per configurarlo, è necessario andare su Plugin e poi su Aggiungi nuovo plugin dalla dashboard di WordPress e cercarlo. Questa versione di Elementor è quella gratuita. Per attivare la versione a pagamento è necessario navigare nella sezione Elementor e cliccate su Go Pro.

Entrambe le installazioni sono semplici. Tuttavia, Elementor risulta più semplice in quanto già presente nella directory dei plugin di WordPress, il che lo rende più facile da configurare e da provare rispetto ad Avada.

Page builder visuale mediante drag-and-drop

Entrambi i page builder usano la funzionalità drag-and-drop.

Elementor presenta gli elementi della pagina in una scheda a destra e i blocchi di costruzione a sinistra. I diversi blocchi sono suddivisi in categorie di base, pro, generali e per siti. È inoltre possibile accedere ai widget, agli elementi nativi di WordPress e di WooCommerce. La scheda Global Widget consente di creare widget globali che possono essere applicati a varie aree con un’unica modifica.

In Avada sono presenti più di 60 elementi e più di 300 opzioni per la personalizzazione di questi elementi. Il costruttore drag-and-drop consente di impostare sia le opzioni globali degli elementi sia le opzioni dei singoli elementi. Ciò aumenta la flessibilità, in quanto i singoli elementi possono essere impostati per funzionare in modo diverso. Inoltre, Avada dispone di una libreria in cui è possibile salvare i contenuti di design creati, in modo da poterli riutilizzare in altre parti della pagina o in altre pagine.

Da questo punto di vista, entrambi i page builder funzionano in modo simile. Pertanto, non c’è un vincitore.

Opzioni di stile

Avada offre più di 1.000 opzioni di stile e tutti gli elementi presenti nel page builder possono essere personalizzati. Le opzioni di stile disponibili includono, ad esempio, colori, tipografia, lightbox, logo e portfolio. È inoltre possibile personalizzare il design delle pagine utilizzando codici CSS personalizzati. Gli elementi hanno opzioni di stile predefinite che però possono essere cambiate.

In Elementor sono invece disponibili tre opzioni principali: Layout, Stile e Opzioni avanzate. Dalla scheda Layout è possibile modificare la modalità di visualizzazione dell’elemento sulla pagina, che consiste nella larghezza della colonna, nell’allineamento verticale e orizzontale, nella spaziatura del widget e nel tag HTML. La scheda Stile è composta da 3 sezioni: Sfondo, Bordo e Tipografia. La sezione Sfondo consente di impostare il comportamento dello sfondo anche al passaggio del mouse. La sezione Bordo presenta diversi tipi di bordi che possono essere implementati, come solido, doppio, tratteggiato, ecc. È inoltre possibile impostare il colore e il raggio del bordo. Se l’elemento include del testo, è possibile organizzare la sua visualizzazione dalla sezione Tipografia. Questo include, tra l’altro, il colore/hover e l’allineamento. Navigando nella sezione avanzata, è possibile stilizzare gli elementi della pagina utilizzando codici CSS personalizzati, attributi HTML, effetti di movimento, reattività, padding e altro ancora.

Entrambi offrono diverse opzioni di stile e personalizzazioni. Avada risulta leggermente più semplice da impostare, ma dipende anche dallo stile che si vuole creare e dalle preferenze personali.

Impostazioni del design responsive

Con Elementor mobile editing è possibile creare pagine web responsive per adattare la visualizzazione in base al dispositivo usato. Durante la creazione delle pagine, troverete un’icona a forma di punto di vista accanto alle opzioni di stile avanzate. È sufficiente fare clic su di essa e selezionare la piattaforma del dispositivo desiderato per personalizzare l’aspetto.

Per impostazione predefinita, il costruttore di pagine dispone tutti gli elementi in modo che appaiano reattivi su tutti i tipi di dispositivi. Pertanto, potrebbe non essere necessario personalizzarli ulteriormente. Si può però modificare il comportamento degli elementi, come ad esempio nasconderli su alcuni dispositivi.

Anche con Avada si realizzano pagine responsive. È possibile modificare il modo in cui il design appare sui dispositivi utilizzando impostazioni come padding, margini, tipografia e molto altro. Esistono impostazioni dinamiche di breakpoint responsive per elementi specifici come l’intestazione, il piè di pagina, la barra laterale, ecc. Durante la progettazione, è possibile impostare il sistema di visibilità su grande (desktop), medio (tablet) e piccolo (mobile) per vedere come appaiono prima della pubblicazione.

Le pagine costruite con i due page builder sono responsive. Tuttavia, Avada ha un maggior numero di impostazioni di progettazione responsive rispetto a Elementor.

Funzionalità del costruttore di temi

Avada dispone di uno strumento nativo di costruzione di temi che può essere utilizzato per progettare, costruire e creare siti web. È possibile progettare layout e modelli per l’intestazione del sito web, il piè di pagina, le pagine, i post, i risultati della ricerca, gli archivi, le FAQ, i portfolio e altro ancora. Sono disponibili diversi modelli per i layout che è possibile utilizzare come base per creare il proprio sito web.

Anche Elementor dispone di uno strumento per costruire i temi del tutto simile a quello della costruzione delle pagine web. Si possono creare stili di intestazione e piè di pagina, modelli di post, modelli di archivio per tag e categorie, pagina di ricerca e pagina 404. Sono anche presenti diversi modelli di tema che possono essere applicati a varie aree del sito e poi personalizzati. Infine, sono disponibili anche widget come il riquadro dell’autore, l’immagine in evidenza, la navigazione, la mappa del sito e altro ancora.

Non c’è molta differenza tra i costruttori di temi di Avada e di Elementor. Entrambi sono strumenti affidabili.

Supporto per il clic destro

In Elementor, le azioni rapide possono essere eseguite facendo clic con il tasto destro del mouse. Le opzioni principali sono modifica, duplicazione, copia, incolla, salvataggio e cancellazione. Inoltre, in base all’elemento selezionato sono disponibili ulteriori opzioni. Caratteristiche interessati sono il Navigatore, che consente di accedere agli elementi della pagina con un solo clic, e il Ripristina stile che riporta le modifiche ai valori predefiniti in caso di errori.

Avada Fusion Builder dispone di diverse opzioni accessibili con il clic del tasto destro del mouse. Le principali sono Modifica, Salva, Clona, Copia, Incolla e Rimuovi. Altre opzioni variano a seconda dell’elemento selezionato.

Confrontando le funzionalità disponibili, Elementor offre più opzioni rispetto ad Avada.

Costruttore di popup

L’elemento Avada popover è utile per creare messaggi di popup al fine di fornire informazioni dettagliate, pubblicizzare contenuti del sito e/o offerte di prodotti e quant’altro. Creati mediante Avada Fusion, i messaggi di popup possono essere collegati al passaggio al clic del mouse. Diversamente per creare delle finestre popup si usa l’elemento Modal. In questo elemento è possibile inserire, oltre al testo, video, immagini, pulsanti e altro ancora.

Diversamente, Elementor dispone di un costruttore dedicato ai popup. Con questo strumento è possibile creare praticamente qualsiasi tipo di popup, compresi messaggi, annunci, pulsanti, grafica, ecc., e disporli fly-in, a schermo intero, a barra inferiore, a barra superiore, a scorrimento e classici. Il costruttore è facile da usare e viene fornito con elementi Elementor, widget e modelli di popup precostituiti. Sono infatti disponibili più di 100 modelli di popup. L’attivazione dei popup può avvenire in base a diverse logiche tra cui il caricamento della pagina, i clic, l’intento di uscita e dopo un periodo di inattività. Infine si può limitare la visibilità dei popup in base alle tipologie di dispositivi.

Alla luce di queste osservazioni, il costruttore di popup di Elementor offre le migliori opzioni.

Modelli di pagina

Elementor offre un lungo elenco di modelli di pagina e kit. Tra i modelli di pagina, oltre 200, ci sono, ad esempio, modelli per hotel, scuole, corsi online, interior design e fotografia. Tutti i modelli sono disponibili nella libreria dei modelli di Elementor e possono essere importati semplicemente facendo clic su aggiungi modello dall’interfaccia del page builder. Ovviamente è anche possibile visualizzare un’anteprima dei modelli prima di importarli.

Avada offre più di 60 modelli precostituiti che coprono un’ampia varietà di categorie web e che possono essere completamente personalizzati utilizzando le opzioni di progettazione. Non si tratta solo di modelli di pagine, ma di veri e propri modelli di siti web completi. Durante l’importazione, è possibile scegliere se importare solo le pagine o anche tutti i contenuti. Per facilitare l’importazione e l’installazione di questi modelli web è disponibile uno strumento di importazione di demo con un solo clic.

È evidente che Elementor ha molti più modelli, per la maggior parte gratuiti, rispetto ad Avada.

Integrazioni di terze parti

Avada supporta integrazioni di terze parti con alcuni dei migliori strumenti e plugin necessari agli utenti di WordPress. Alcune di queste integrazioni includono WooCommerce, WPML, FontAwesome, The Events Calendar, Yoast SEO, bbPress e ConvertPlus.

Anche Elementor si integra con strumenti e plugin di diverse categorie tra cui WooCommerce, Yoast SEO, PODS, ToolSet e ACF. Inoltre, si integra con strumenti di marketing come Drip, MailChimp, Zapier, Convert Kit e GetResponse e con le principali piattaforme di social network come YouTube, Facebook, SoundCloud, Dailymotion e altre ancora. Altre integrazioni supportate sono Google Fonts, Adobe Fonts, Font Awesome PRO, ecc.

Pertanto, Elementor risulta il migliore in quanto supporta più integrazioni di Avada e la sua integrazione è più facile ed intuitiva.

Supporto e documentazione

Theme Fusion fornisce una documentazione ben dettagliata di Avada. Questa documentazione comprende guide per l’utente con video tutorial, come Getting Started, Install & Update, Layout & Styling. Sono presenti oltre 300 articoli di documentazione, una sezione FAQ e un blog costantemente aggiornato con ulteriori informazioni sullo strumento. È possibile contattare direttamente il team di supporto di Avada inviando un ticket di assistenza tramite un modulo di contatto. Sono anche presenti un forum della comunità online e pagine dedicate sui social networks in cui gli utenti di Avada si riuniscono per interagire.

La documentazione di Elementor è disponibile sulla piattaforma Elementor docs. Questa piattaforma contiene oltre 400 articoli che coprono argomenti dai primi passi con Elementor fino all’uso dei suoi elementi, i widget e i prezzi. Esiste anche una categoria specifica che enfatizza i suggerimenti e i trucchi per l’utilizzo dello strumento. Inoltre, sono disponibili video tutorial e altre risorse come un blog e una pagina di FAQ. Lo staff di Elementor offre un’assistenza clienti 24 ore su 24, 7 giorni su 7, tramite l’invio di ticket. La comunità di utenti è molto attiva sulle varie piattaforme di social networks tra cui Facebook, GitHub, Twitter, Instagram, Dribbble, YouTube e MeetUp.

Il supporto e la documentazione forniti da entrambe le piattaforme sono di alto livello. Tuttavia, Elementor è più diffuso sulle piattaforme di social media uniche come Dribbble, GitHub e MeetUp.

Prezzi

Per utilizzare Avada, è necessario acquisire una licenza d’uso unica che costa $69 per un sito.

Diversamente Elementor ha una versione gratuita che può essere utilizzata per creare siti web base e provare alcune delle funzionalità del page builder. La versione premium include, ovviamente, maggiori funzionalità. I piani tariffari di Elementor disponibili attualmente sono:

  • Essential Plan (1 sito) – 49 dollari all’anno
  • Expert Plan (25 siti) – 199 dollari all’anno
  • Studio Plan (100 siti) – 499 dollari all’anno
  • Agency Plan (1000 siti) – 999 dollari all’anno

Sicuramente Avada è più economico in quanto non prevede un abbonamento annuale, ma non disponendo della versione gratuita non può essere utilizzato per effettuare test.

Pro e contro

Avada

Pro

Facile da configurare
100% reattivo
Supporta il tasto destro del mouse
Modelli di pagina e layout
Buon supporto e documentazione
Integrazioni di terze parti

Contro

Poche integrazioni

Elementor

Pro

Facile da configurare
100% mobile responsive
Versione gratuita e premium disponibile
Integrazioni di terze parti
Supporta il clic destro
Fino a 200 modelli di pagina
Buon supporto e documentazione

Contro

Abbonamento annuale

Qual è il migliore?

In base alle caratteristiche analizzate Elementor risulta migliore di Avada. Elementor Pro ha alcune caratteristiche di costruzione di pagine davvero eccezionali. È comunque possibile costruire pagine web eccellenti utilizzando solamente la versione gratuita, aspetto non disponibile con Avada il quale è interamente premium. Infine, per quanto riguarda i costi, Elementor richiede un abbonamento annuale che sulla gestione di pochi siti ha un impatto maggiore rispetto ad Avada che invece richiede solo una spesa iniziale. Per questi motivi oltre 5 milioni di siti WordPress utilizzano Elementor.

Per concludere, entrambi i page builder sono ottimi per la costruzione di siti web e e-commerce. In base alle competenze del progettista e alle disponibilità economiche del progetto la scelta può ricadere sul page builder che soddisfa al meglio le specifiche funzionali. In qualsiasi caso il risultato sarà ottimo!

More To Explore

Elasticsearch

ElasticSearch 8: novità della nuova versione

Eleastisearch è un database NoSQL utilizzato principalmente per la costruzione di motori di ricerca. Infatti, grazie all’integrazione di Apache Lucene permette di indicizzare in modo opportuno documenti testuali ed effettuare ricerche molto accurate. La nuova release introduce alcune novità e miglioramenti rispetto alla versione 7.

Wordpress

Elementor vs Avada: confronto tra i page builder di WordPress

Sviluppare siti web non richiede solo la generazione di contenuti interessanti ma, sopratutto, lo sviluppo di interfacce accattivanti, intuitive e full responsive. Con Wordpress si riesce a costruire blog e e-commerce molto velocemente, ma la presentazione richiede uno sforzo ulteriore specialmente per i non addetti ai lavori. Mediante i page builder, quali Elementor e Avada, questo compito viene semplificato. Scopriamo in questo articolo le loro principali caratteristiche per capire quale sia il migliore per le nostre esigenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Design with MongoDB

Design with MongoDB!!!

Buy the new book that will help you to use MongoDB correctly for your applications. Available now on Amazon!